{{dataProduct.TitleProduct}}

Codice prodotto:{{codeProduct}}
{{priceStartProd.priceUnit}}{{priceStartProd.priceDecimal}} {{priceStartProd.pricePromoUnit}}{{priceStartProd.pricePromoDecimal}}
{{priceStartProd.priceUnit}}{{priceStartProd.priceDecimal}}
{{priceVariant.otherPromoPriceUnit}}{{priceVariant.otherPromoPriceDecimal}} {{priceVariant.otherPriceUnit}}{{priceVariant.otherPriceDecimal}}
{{priceVariant.otherPriceUnit}}{{priceVariant.otherPriceDecimal}}
{{priceVariant.pricePromoUnit}}{{priceVariant.pricePromoDecimal}} {{priceVariant.priceUnit}}{{priceVariant.priceDecimal}}
{{priceVariant.priceUnit}}{{priceVariant.priceDecimal}}
{{priceVariant.otherPromoPriceUnit}}{{priceVariant.otherPromoPriceDecimal}}
{{priceVariant.otherPriceUnit}}{{priceVariant.otherPriceDecimal}}
Promo dal {{priceVariant.promotionFrom}} al {{priceVariant.promotionTo}}
{{l}}
quantità : {{quantityUpdated | quantityZero:prodNonDisp:resources.quantityZero}}
Quantità minima ordinabile: {{quantityMin}}
Quantità  massima disponibile : {{quantityMax}}
avete selezionato :
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Un libro dedicato alla scuola non poteva mancare nella libreria del Pesciolinorosso.
Il progetto "Insegnami a Volare - Non siamo solo un mazzo di carte" è il risultato di una raccolta di testimonianze di alunni, genitori e anche insegnanti durato dodici mesi.

Nei suoi contenuti il libro cerca di interpretare il pensiero comune di come la scuola sia spesso un luogo di educazione smarrita, un ambiente nel quale gli studenti stentano a trovare interlocutori capaci di interpretare i loro desideri.

Insegnanti, educatori, sacerdoti, politici, genitori rimangono spesso seduti su piedistalli dai quali dispensano insegnamenti e giudizi, non rendendosi conto che, forse, pur nel rispetto dei ruoli, è tempo di scendere a terra, se vogliamo essere ascoltati e compresi, ma soprattutto se vogliamo imparare ad ascoltare.

Insegnami a Volare

Dialogo per insegnanti, alunni, genitori nel bel libro curato da Marcello Riccioni
 

Per le edizioni della “Compagnia della Stampa”, il libroInsegnami a volare – Non siamo solo un mazzo di carte – Dialogo per insegnanti alunni genitori” nasce da un interessante progetto sperimentato in ambito scolastico da parte della “Fondazione Ema Pesciolino Rosso”, presieduta da Gianpietro Ghidini, dettagliandosi nell’opportunità di un’utile testo di confronto e di lettura esperienziale, attraverso una significativa sintesi esplicativa globale.

Nelle rispettive sedi d’apprendimento formativo coinvolte, in collaborazione con l’insegnante salodiano Marcello Riccioni, sono state raccolte alcune utili testimonianze di alunni, genitori e docenti, per stilare una possibile interpretazione rappresentativa di quale sia lo stato dell’arte nella gestione delle finalità educative perseguite in ambito scolastico che, nel documentato esito di una versione critica apparsa ad argomentarne il riscontro, registrato al netto di una valutazione analitica, ha, in seguito, ispirato la realizzazione di questo libro, per promuovere, fra l’altro, quel “nuovo umanesimo” con cui si propone che l’educazione muova dalla sensibilità della relazione, quale capacità di porsi effettivamente nella più adeguata disposizione, per favorire un percorso di consapevolezza dove poter affinare scelte di giudizio favorite anche da un processo di maturazione discente, pure accompagnato dalla corrispondenza di un’ispirazione ideale, presente nel concetto di amore per sé e per gli altri, vissuta in un ruolo valoriale consistente.

Come, fra l’altro scrive, Gianpietro Ghidini nel suo contributo introduttivo al libro:
Il Pesciolinorosso, tramite gli interventi di chi adesso vi sta scrivendo, ha incontrato oltre 30.000 studenti in oltre 200 incontri nelle scuole di ogni ordine e grado. In queste occasioni i numerosi allievi, con i loro insegnanti, hanno ascoltato la storia di Emanuele, che all’età di sedici anni, ha deciso di compiere un gesto tragico, hanno compreso un padre capace, nonostante il dolore, di parlare di vita e di speranza. Un genitore che, attraverso il gesto estremo del proprio figlio, ha cominciato a capire che il mondo degli adulti deve saper mettere in discussione le proprie convinzioni; soprattutto per il fatto che il modello socio economico fondato sulla ricerca egoistica del benessere personale, si sta rivelando insostenibile”.



L'articolo intero di Luca Quaresmini lo trovi a questo LINK

Sigla.com - Internet Partner